COPENHAGEN

20 ore 100% online
CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE
ETHICAL AGRICULTURAL MANAGEMENT (EAM)

dal 8 maggio al 5 giugno 2021
Sabato dalle 9:00 alle 13:00

Chi siamo

Il CESAB, in attuazione dell’Accordo di collaborazione scientifica sottoscritto in data 8 agosto 2018 con il CREG – Centro di Ricerche Economiche e Giuridiche dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Dipartimento di Economia e Finanza e l’International Bio-research Institute – IBI, con sede in Ugwogo Nike, Stato di Enugu, Nigeria, ha costituito il 9/5/2019 un Gruppo di ricerca denominato “Bioagropro”.

Bioagropro

Si propone di aggregare le Parti Sociali, pubbliche e private, in un’associazione sinergica a carattere nazionale che si occupa di sviluppo di Best Practices nelle aziende agroalimentari, di “progettazione agricola integrata“ sulla base di politiche concomitanti di sperimentazione e verifica, di integrazione tra operatori e conoscenze, di supporto a piani specifici, di accessibilità alle risorse, secondo criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale.
Obbietivi

Gruppo di Ricerca Bioagropro



Innovazione in agricoltura

Operare attraverso l’innovazione in agricoltura per contribuire alla diminuzione degli effetti negativi dell’attività antropica sugli ecosistemi naturali, sulla meteorologia e sull’alterazione dei fenomeni meteo-climatici




Agricoltura 4.0

Assumere le indicazioni di Agricoltura 4.0 e delle sue successive evoluzioni come riferimento per l’individuazione delle principali azioni e prassi operative concernenti l’efficienza in agricoltura e l’introduzione delle nuove tecnologie che consentano alle aziende agroalimentari e zootecniche di migliorare e innovare la qualità e la sicurezza



Innovazione nelle pratiche agronomiche

Orientare lo sviluppo dell’innovazione nelle pratiche agronomiche verso soluzioni che consentano un effettivo miglioramento della produttività aziendale, certificandone la sostenibilità non solo economica ma anche ambientale e sociale.



Salute dei cittadini

Tutelare la salute dei cittadini attraverso azioni concrete di produzione agroalimentare priva, in tutto o in parte, di componenti tossiche per la salute umana e animale e/o dannose per l’ecosistema.



Riduzione dell’impiego di prodotti chimici

Appoggiare l’azione istituzionale pubblica attraverso la realizzazione di progetti finalizzati alla riduzione dell’impiego di prodotti chimici, fitofarmaci e antibiotici, in agricoltura e in zootecnia e allo sviluppo di soluzioni caratterizzate dal migliore impatto sull’ambiente e sui consumatori.



Ricerca & Sviluppo (R&S) nel comparto agricolo

Promuovere, realizzare e gestire attività di R&S (Ricerca & Sviluppo) nel comparto agricolo al fine di migliorare processi, prodotti e impatto ambientale delle filiere agroalimentari.



Integrazione tra progetti industriali agroalimentari

Consentire l’integrazione tra progetti industriali agroalimentari di elevate dimensioni e progetti agroalimentari in piccola scala, creando sinergia tra gli uni e gli altri e favorendo in tal modo una distribuzione non speculativa e condivisa dei benefici economici di tali attività.



Catalizzatore dell’innovazione locale

Fungere da catalizzatore dell’innovazione locale curando relazioni istituzionali e comunicative, e svolgendo funzioni d’indirizzo e di “governo“ sul territorio.


http://bioagropro.org/wp-content/uploads/2021/02/agricultural-engineer-1200x800.jpg

Attività del Gruppo di Ricerca “Bioagropro”

Ricerca tecnico sperimentale

Case studies che evidenzino come le nuove tecnologie oggi consentano alle aziende agroalimentari di migliorare e innovare la qualità e la sicurezza in diversi modi. Le attività sperimentali si svolgono presso strutture agricole selezionate e appositamente organizzate per lo studio della sostenibilità economica di una gestione 4.0. L’obiettivo è quello di certificare nuovi processi da inserire nell’approccio di agricoltura 4.0 (automazione, sensoristica, ottimizzazione pratiche agronomiche, controlli a distanza, informatizzazione) e nuove soluzioni agronomiche eco-compatibili per la riduzione dell’impiego della chimica nelle produzioni agricole e zootecniche. Sono certificati anche nuovi percorsi di controllo qualità da inserire nella metodologia della produzione agricola integrata.

Formazione

a) E’ stato attivato nell’Anno Accademico 2018/19 in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Dipartimento di Economia e Finanza (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”) il Corso di formazione in “Economia, diritto e innovazione tecnologica nell’agricoltura 4.0”. Il corso ha una durata di quattro mesi e ha come obiettivo quello di focalizzare l’attenzione sullo sviluppo di Best Practices nelle aziende agroalimentari. L’obiettivo è quello di creare figure professionali in grado di realizzare un circuito virtuoso a supporto delle iniziative agricole, agroalimentari, industriali nei settori della salute, dell’ambiente e della qualità. A tal fine, al termine della parte didattica di aula, gli studenti sono coinvolti in progetti sperimentali di alto profilo scientifico con l’obiettivo di assicurare una adeguata ricaduta esperienziale della formazione acquisita, con una particolare focalizzazione sulle tematiche della valorizzazione delle produzioni e della gestione sostenibile delle risorse agricole, della qualità dei prodotti e del trasferimento e della diffusione dei risultati della ricerca. L’attività formativa comprende l’attività didattica in aula, per un totale 80 ore e un periodo di stage finale sul campo (24 ore complessive), per un totale di 15 CFU complessivi.
b) In convenzione tra il Centro Ricerche in Scienze Ambientali e Biotecnologie – CESAB, il Centro Ricerche Economiche e Giuridiche – CREG dell’Università di Roma Tor Vergata e il Centro Ricerche in Scienze Sociale e Umane Locus, il Gruppo di ricerca Bioagropro ha istituito il Corso di formazione professionale in “Ethical Agricultural Management” EAM, Gestione Agricola Etica, a partire dall’8 maggio 2021 per la durata di 20 ore formative di didattica in video conferenza suddivise in 5 moduli di 4 ore. La fine del Corso è prevista per il giorno 5 giugno 2021. Ogni modulo si svolgerà il sabato mattina dalle 9 alle 13 per 5 settimane. La figura professionale in uscita è l’esperto in Gestione Agricola Etica, un manager specializzato nel garantire e valorizzare la sostenibilità ambientale, sociale, economica e culturale delle imprese agricole. Il percorso di formazione offre un punto di riferimento a tutti coloro che vogliono approfondire lo studio, la ricerca e la pratica lavorativa relativa al miglioramento del rapporto tra società umana, gestione delle risorse ambientali e sviluppo delle nuove tecnologie, al fine di rendere sempre più efficienti ed ecologiche le diverse attività produttive, al fine di migliorare la qualità della vita ed il bene comune.

Convegni, conferenze e seminari

Webinar “Nazzareno Strampelli, la visione della rivoluzione verde”, 11 luglio 2020, dalle ore 11 alle 12,15. Sede Università Agraria di Corese Terra, Fraz. di Fara in Sabina (Ri), via del Palazzo 1.

Pubblicazioni

Sono in corso di pubblicazione i risultati di due progetti di ricerca che riguardano l’impiego in serra di prodotti non chimici per la sanificazione e il contrasto alla diffusione di patologie batteriche e micotiche e il rapporto finale del monitoraggio sulla diffusione nelle aziende agricole nazionali della filiera di agricoltura 4.0.
Al Gruppo hanno aderito soggetti pubblici e privati tra cui associazioni di produttori agricoli, aziende private ed enti pubblici come l’Ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, il WWF Salento, il Parco Naturale Regionale Dune Costiere da Torre Canne a Torre a Torre San Leonardo, Europarc Federation, Regione Lazio – ParchiLazio, il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e Agrotecnici Laureati.
Open chat